Tu sei qui

Glossario sui termini del gioco del Poker

Glossario del PokerGlossario del Poker:
-abbandonare

sinonimo di passare.
-al
prima del valore di una carta, "al" indica il possesso di una Doppia coppia, il cui valore più alto viene espresso dal nome della carta che lo segue; ad esempio, l'espressione "all'asso" indica la combinazione di una coppia di assi e di una coppia di valore inferiore.
-alto
di livello più alto, riferito ad una combinazione, una carta o una serie di carte; ad esempio "una scala alta al re", oppure nella Teresina "asso-jack è alto" e quindi è il primo a puntare.
-apertura
quantità di denaro o di fiches a disposizione del giocatore, o quella necessaria per partecipare a un torneo.
-aprire
fare la prima puntata in un giro.
a scelta del mazziere
maniera di giocare a Poker, molto comune nei circoli, nella quale è il mazziere che sceglie la versione da giocare in ciascuna mano (e che decide le eventuali matte).
-assi coperti
coppia di assi tra le carte coperte.
-assicurazione
puntata supplementare per proteggersi da un determinato risultato, solitamente un risultato relativamente poco probabile.
-azione
l'atto di puntare.
-back door
nelle varianti come Hold'em, in cui le ultime due carte vengono distribuite separatamente, metodo per ottenere una buona mano utilizzando entrambe tali carte.
-barca
sinonimo di full.
-basso
inferiore alle altre mani, come accade ad esempio in giochi quali il Low poker e la Teresina high-low a 7 carte. In alcuni giochi, le Scale e i Colori valgono come mani basse (anche più basse delle Coppie), rendendo la ruota la migliore giocata bassa che si può realizzare; in una mano descritta come un "8 basso", l'8 è la carta più alta, senza Coppie.
-bicicletta
sinonimo di ruota.
-bluffare
puntare avendo in mano una combinazione bassa, nella speranza che gli altri giocatori passino invece di vedere.
-bruciare
scartare una carta prendendo dalla cima del mazzo, prima che vengano distribuite le carte oppure nel corso della mano, per garantire che le carte vengano distribuite equamente. A Hold'em, è normale bruciare una carta prima della distribuzione delle carte flop, delle turn cards e delle river cards.
-buco
in una partita a Teresina, la prima carta coperta o coppia di carte coperte.
-buio (o puntata al buio)
puntata effettuata da un giocatore prima di guardare le proprie carte; simile ad un invito, eccetto per il fatto che non tutti i giocatori possono fare questa puntata, anche se devono effettuare una puntata almeno uguale per continuare a giocare.
-buio massimo
la più alta delle due puntate al buio effettuate a Hold'em, oppure il giocatore che effettua tale puntata.
-buio minimo
a Hold 'Em, la più piccola tra due puntate buie, oppure il giocatore che effettua quella puntata.
-carta libera
carta che i giocatori non hanno bisogno di vedere, come quando tutti hanno detto "cip" in un giro di puntate.
-carta scoperta
carta distribuita scoperta in una partita di Teresina.
-carta viva
carta ancora non vista e che pertanto può ancora essere pescata o distribuita.
-carte coperte
in una partita a Hold'em, le due carte distribuite coperte a ciascun giocatore; nella Teresina a sette carte, le due carte coperte distribuite per prime.
-carte scoperte
a Hold 'em o nelle partite flop, le carte vela.
-carte vela
in certe varianti del Poker, carte posizionate capovolte ed utilizzabili da tutti i giocatori per formare la propria mano; a Hold 'em, le ultime 5 carte formano sempre la vela e ciascun giocatore forma la migliore mano possibile con cinque carte scelte tra le cinque della vela più le proprie due carte coperte.
-casa
il locale in cui si gioca a Poker e che solitamente preleva una quota o una percentuale dal piatto e determina le regole di gioco.
-cip
puntata pari a zero; ciò che un giocatore fa quando non vuole puntare o passare e quando non ha bisogno di vedere, perché gli altri non hanno ancora puntato in un determinato giro. A volte un giocatore che si ritira dichiara "passo" per dire "cip".
-cip con rilancio
un chip seguito da un rilancio da parte dello stesso giocatore nello stesso giro di puntate, a volte proibito nei giochi di società.
-Colore
mano costituita da cinque carte dello stesso seme.
-colpire
to make or improve a hand by getting a favorable draw or flop; opposite of miss
-comprare il piatto
effettuare una puntata molto elevata, in genere all'inizio di una mano, nella speranza di fare uscire dal gioco tutti gli altri giocatori.
-contro-rilancio
rilancio che fa seguito ad un precedente rilancio nello stesso giro di puntate.
-Coppia
due carte dello stesso valore numerico.
- Coppia bassa
in una partita a Hold'em, la coppia formata da una carta coperta e dalla carta più bassa delle tre carte flop.
- Coppia coperta
due carte coperte dello stesso valore.
- Coppia massima
in una partita a Hold'em, coppia formata da una carta bassa e dalla carta maggiore delle tre carte flop.
- Coppia media
in una partita a Hold'em, Coppia composta da una carta bassa e dalla carta di valore medio tra le tre carte vela.
-cowboy
sinonimo di Re.
-dal Jack in sù
tipo di mano a cinque carte nella nella quale il giocatore deve possedere almeno una coppia di jack per aprire la puntata; se nessuno è in grado di aprire, i giocatori devono ripetere l'invito, il mazzo gira e, in molti circoli, a questo punto per aprire bisogna avere una coppia di regine, quindi di re e di assi, per poi tornare ad una coppia di jack.
-dare le carte
distribuire le carte ai giocatori; scoprire le carte vela.
-dentro per una mano
espressione che indica che un giocatore giocherà alla mano successiva.
-dentro tutto
in una partita a puntata vincolata, il giocatore che mette sul piatto tutte le fiche che gli sono rimaste fa "dentro tutto", e continua comunque a giocare per aggiudicarsi il piatto principale anche se vengono fatti altri rilanci (le puntate superiori alla puntata di questo giocatore formano un piatto secondario che solo gli altri possono aggiudicarsi).
-deuce
sinonimo di Doppia coppia.
-dichiarare
segnalare quanto un giocatore sta cercando di vincere, decidendo se puntare "in alto" "in basso" o "entrambi" in una partita high-low; in una partita high-low, le dichiarazioni vengono in genere effettuate simultaneamente da ciascun giocatore, portando due fiches sotto il tavolo e mostrando poi il pugno chiuso che ne tiene zero (per "basso"), una (per "alto") oppure due (per "entrambi").
-Doppia coppia
mano composta da due carte dello stesso valore, due carte di altro valore ed una quinta carta di valore ancora diverso.
-equity
il valore del piatto previsto per un giocatore; la somma di denaro presente nel piatto e la probabilità che un dato giocatore vinca la mano.
-essere di mano
espressione utilizzata per descrivere la posizione del primo giocatore che deve puntare dopo le puntate al buio.
-essere servito
pescare o ricevere una buona mano, come nell'espressione "il giocatore prese una carta per fare Scala e venne servito".
-faccia a faccia
partita a due.
-favorita
la combinazione che più probabilmente vincerà il piatto a un determinato punto della mano.
-fiche
gettone rotondo generalmente utilizzato nelle partite al posto del denaro; può essere di colori diversi, ciascuno dei quali rappresenta i diversi tagli di banconote; in genere si entra in una partita scambiando denaro con le fiches, e alla fine si incassa restituendo le fiches eventualmente rimaste.
-fingere
puntare come se si fosse in possesso di una determinata mano, indipendentemente dal fatto che ciò corrisponda al vero o meno.
-flop
a Hold'em, le tre carte vela distribuite insieme inizialmente; una delle svariate forme di Poker giocate con carte vela, distinte dal Poker coperto o dalla Teresina.
-fucilata
tentativo di effettuare una Scala a incastro, cioè di completare una Scala quando manca una sola carta all'interno della serie che si ha in mano.
-Full
combinazione formata da un Tris e una Coppia; per stabilire il Full più alto, si confrontano prima di tutto i valori dei due Tris, mentre le Coppie vengono considerate solo se i Tris sono identici (ad esempio, in una partita col jolly o con carte vela).
-fuori per una mano
espressione che indica che un giocatore non giocherà alla mano successiva.
-giocare una mano
restare in gioco almeno per parte di una mano, anziché passare non appena qualcuno fa una puntata.
-giocare sulle carte vela
in una partita a Hold'em, continuare a giocare anche se le proprie carte coperte sono inutilizzabili e la mano migliore realizzabile è quella con le carte vela.
-giro
serie di mosse compiute da tutti i giocatori in una partita, a partire da un cip o da una puntata fino a quando tutti hanno visto o passato; oppure una serie di mani in cui ogni giocatore funge per una volta da mazziere.
-high-low
partita, quale l'high-low della Teresina a 7 carte, in cui il piatto viene suddiviso tra la mano più alta e la mano più bassa, ed in cui ciascun giocatore è obbligato a dichiarare, prima dell'ultimo giro di puntate, se sta cercando di vincere come mano alta, come mano bassa o come entrambe (nel qual caso il giocatore deve vincere in entrambi i modi per vincere la partita). In alcuni giochi, le Scale (come la ruota) e i Colori valgono come mani basse (e contano più di una Coppia).
-Hold'em (o Hold'em del Texas)
variante di Poker molto conosciuta, giocata in Yahoo! e in molti tornei. Ciascun giocatore riceve due carte coperte, poi il mazziere scopre tre carte vela (il cosiddetto "flop"), una quarta carta vela (la "turn card" o "fourth street") ed infine una quinta carta vela (la "river card" o "fifth street"); vi sono previsti dei giri di puntate dopo la distribuzione delle carte coperte, del flop e di ciascuna delle due carte finali, con due puntate al buio all'inizio (al posto degli inviti).
-Hold'em del Texas
altro nome di Hold'em.
-imbrogliare
puntare forte avendo invece una mano debole, nella speranza che gli avversari restino in gioco e in modo da aggiudicarsi un piatto più consistente; vedi slowplay.
-invito
la puntata che tutti i giocatori devono fare prima di iniziare la mano.
-jolly
carta aggiuntiva usata come matta, alla quale cioè è possibile dare il valore che si desidera; ogni mazzo standard ne contiene due.
-kicker
in una mano composta da una Coppia, una Doppia coppia, un Tris o un Poker, la carta spaiata più alta; se, ad esempio, due giocatori hanno una Coppia, un Tris o un Poker di eguale valore, si aggiudica la mano chi dei due dispone del kicker più alto.
-leggere
capire il gioco dell'avversario, riuscendo in questo modo a risalire alle carte in suo possesso.
-limite
cifra massima o cifra fissa che un giocatore può puntare o rilanciare in un giro, oppure, in generale, qualsiasi versione di Poker in cui vengono imposti dei limiti, in opposizione al Poker senza limiti di puntata. Alcuni limiti prevedono puntate e rilanci minimi e massimi anziché cifre fisse (vedi anche limite del piatto, puntata libera e puntata vincolata).
-limite di piatto
partita in cui puntate e rilanci sono limitati all'ammontare corrente del piatto.
-lock
mano destinata a vincere almeno una parte della posta.
-loose
stile di gioco non convenzionale in cui un giocatore rimane in gioco più spesso di quanto non passi (vedi anche tight).
-Low Poker
Poker coperto a cinque carte in cui è la mano di valore più basso a vincere il piatto.
-mancare
mancare il colpo.
-mano
turno di gioco; indica anche le carte possedute da un determinato giocatore, oppure il tipo di combinazione migliore (Coppia, Scala, ecc.) che un giocatore può formare con le proprie carte.
-mano buca
mano che non ha dato alcuna combinazione, solitamente quella in cui il giocatore ha tentato di fare una Scala o un Colore senza ottenere invece nemmeno una Coppia.
-mano in corso
mano ancora in gioco.
-matta
carta che può essere utilizzata al posto di qualsiasi altra carta; in una partita con le matte, o jolly, un Pokerissimo batte una Scala reale.
-mischiare
mescolare le carte prima di distribuirle.
-nut
altro termine per indicare un lock.
-overcard
a Hold 'Em, carta di valore superiore rispetto alla carta più alta sul tavolo.
-overpair
a Hold 'Em, una Coppia coperta il cui valore è maggiore della carta più alta sul tavolo.
-partita a puntata libera
partita senza limiti alle puntate o ai rilanci; solitamente, in questo tipo di partite è solitamente previsto che ogni giocatore non possa puntare più di quanto ha portato con sé (vedi puntata vincolata).
-passare
abbandonare una mano invece di vedere.
-pallottola
altro nome utilizzato per indicare l'asso.
-pescare
prendere una o più carte, in genere dopo avere scartato; una variante di Poker in cui i giocatori scartano delle carte e ne pescano altre, contrapposta alle partite flop e alla Teresina (vedi Poker coperto a cinque carte, dal jack in su).
-piatto
il denaro (generalmente rappresentato da fiches) destinato al vincitore o ai vincitori di una mano.
-piatto diviso
piatto diviso tra due o più giocatori, sia in caso di parità delle mani che in caso di partite "high-low" in cui vale la regola della suddivisione del piatto.
-piatto principale
in una partita a puntata vincolata, la porzione di piatto coperta dal giocatore che ha scommesso tutto, distinta dal piatto secondario, ovvero l'insieme delle puntate che tale giocatore non può aggiudicarsi.
-pig
nella variante "high-low" del Poker, il giocatore che dichiara sia un punto alto che un punto basso.
-pila
pila di fiches o di denaro.
-Poker
vasta famiglia di giochi a scommessa, giocati solitamente a casa, nei casinò e anche in Yahoo!, nei quali si cerca di formare la miglior mano possibile di cinque carte; le mani standard (Full, Scala, Coppia e così via) hanno un valore universalmente riconosciuto, anche se lo scopo di una partita di Poker può essere di avere o la mano di valore maggiore o quella di valore inferiore (vedi le tre categorie principali del Poker: Poker coperto, la Teresina e il Poker con carte vela). Anche quattro carte dello stesso valore numerico.
-Poker coperto a cinque carte
il tipo di Poker più visto nei film e in televisione. Dopo aver ricevuto cinque carte, il giocatore ne scarta qualcuna o tutte ricevendone un pari numero dal mazzo, oppure si dichiara servito; le puntate si fanno prima e dopo che i giocatori hanno pescato. In alcuni circoli, il giocatore può scartare fino ad un massimo di tre carte, oppure quattro se dispone di un asso o di un jolly. Vedi anche Dal jack in su (versione comune del Poker coperto a 5 carte) e il Low poker (una variante in cui vince la mano bassa).
-posizione
il posto occupato da un giocatore al tavolo in rapporto all'ordine delle puntate: si dice che un giocatore "ha posizione" rispetto ai giocatori che hanno puntato prima di lui.
-probabilità
rapporto che esprime le probabilità di un certo risultato; ad esempio "le probabilità sono di 4 a 1 contro la Scala" significa che esiste 1 probabilità su 5 di fare scala (vedi anche rapporto piatto/puntata).
-pubblicizzare
far credere agli altri giocatori di puntare in perdita, sperando che questi prendano meno sul serio le loro puntate nei giri successivi.
-puglia
somma di denaro che un giocatore ha a disposizione per il gioco.
-pulsante
segnaposto utilizzato per segnalare chi fa da mazziere, oppure chi ha giocato per ultimo in un giro di puntate se, ad esempio, il mazziere non partecipa al gioco.
-puntare/puntata
scommettere, deponendola nel piatto, una somma di denaro che gli altri giocatori devono almeno eguagliare per rimanere in gioco; la somma di denaro puntata.
-puntata alta
sinonimo di puntata massima.
-puntata di posizione
scommessa fatta almeno in parte considerando la propria posizione; ad esempio, se tutti i giocatori prima del mazziere hanno detto cip e il mazziere invece punta, questi potrebbe cercare di rubare il piatto sfruttando il vantaggio offerto dalla propria posizione.
-puntata forzata
puntata che un giocatore è obbligato a fare, ad esempio una puntata al buio.
-puntata massima
nelle partite con limite di puntata, la puntata più alta consentita, in genere riservata ai giri finali.
-puntata minima
nelle partite con limite di puntate, la puntata minore consentita, solitamente riservata per gli ultimi giri.
-puntata vincolata
regola che limita le puntate di un giocatore all'ammontare del denaro che ha portato con sé.
-quadriglia
sinonimo di Poker.
-qualificatore
in alcuni giochi high-low a piatto diviso, requisito minimo che una mano (solitamente quella minore) deve soddisfare per poter vincere parte del piatto (ad esempio un 8 basso).
-quarta
la quarta ed ultima carta di un certo valore, ad esempio "il quarto 10".
-quattro quinti di Colore
mano con quattro carte dello stesso seme; normalmente priva di valore, a meno che non diventi un Colore, questo tipo di mano talvolta viene considerato vincente rispetto ad una Coppia da quei giocatori che non seguono le regole standard.
-rack
strumento contenente le fiches.
-rapporto piatto/puntata
il rapporto tra la quantità di denaro presente nel piatto e la quantità di denaro che un giocatore deve puntare per poter vedere.
-rialzare
altro termine per rilanciare, ad esempio "Rialzo di 10."
-rientrare
realizzare inaspettatamente una buona mano, diversa da quella che si progettava di ottenere.
-rilanciare
aumentare l'entità della puntata nel corso di un giro di puntate.
-risoluzione
dopo il giro finale di puntate, confronto delle mani dei vari giocatori per determinare chi ha vinto il piatto.
-river card
la quinta ed ultima carta vela distribuita in una partita di Hold'em o in altre varianti giocate con carte vela; è anche detta "fifth street".
-rubare il piatto
vincere il piatto facendo una puntata quando tutti gli altri hanno mostrato debolezza, e quindi costringendo tutti gli avversari ad abbandonare la mano.
-ruota (chiamata anche bicicletta o ruota di bicicletta)
mano composta da A-2-3-4-5, ossia la Scala minima; nelle partite in cui si vince con la mano di valore inferiore, è la mano migliore possibile.
-Scala
cinque carte di valore consecutivo, in cui gli assi possono valere come carta alta o bassa.

guida giochi casinò: 

Come affrontare l'uscita dello zero alla Roulette: presentiamo la strategia di gioco adottata dal famoso sistemistica spagnolo Garcia, quando gli capitava di opporsi all'uscita dello zero al gioco della roulette francese.

Drupal theme by pixeljets.com D7 ver.1.1